Seleziona una pagina
Valdobbiadene Docg – Parte quinta

Valdobbiadene Docg – Parte quinta

𝗖𝗼𝘀𝗮 𝗮𝗯𝗯𝗶𝗻𝗮𝗿𝗲 𝗮𝗱 𝘂𝗻 𝗰𝗮𝗹𝗶𝗰𝗲 𝗱𝗶 𝗩𝗮𝗹𝗱𝗼𝗯𝗯𝗶𝗮𝗱𝗲𝗻𝗲 𝗗𝗼𝗰𝗴?
Una delle caratteristiche che tanto fa apprezzare il Valdobbiadene Docg è la sua versatilità, che lo rende adatto tanto agli aperitivi quanto a certi piatti di portata, fino al dolce. L’abbinamento ottimale lo si può ricercare nella scelta del suo grado zuccherino dato dalla tipologia Dry, Extra Dry, Brut per arrivare allo Zero Assoluto.
Nella nostra tradizione un buon calice di Valdobbiadene lo si apprezza con i prodotti tipici del nostro territorio che sono i formaggi di malga e i salumi, o un buon spiedo di carni miste, ma il Valdobbiadene Docg non ha davvero confini lo potete usare in molte ricette di vostra invenzione.
Segui il nostro blog e la nostra pagina Facebook https://www.facebook.com/LaCasettaValdobbiadene
Valdobbiadene Docg – Parte quinta

Valdobbiadene Docg – Parte quinta

𝗖OSA ABBINARE AD UN VALDOBBIADENE 𝗗OCG?
Una delle caratteristiche che tanto fa apprezzare il Valdobbiadene Docg è la sua versatilità, che lo rende adatto tanto agli aperitivi quanto a certi piatti di portata, fino al dolce. L’abbinamento ottimale lo si può ricercare nella scelta del suo grado zuccherino dato dalla tipologia Dry, Extra Dry, Brut per arrivare allo Zero Assoluto.
Nella nostra tradizione un buon calice di Valdobbiadene lo si apprezza con i prodotti tipici del nostro territorio che sono i formaggi di malga e i salumi, o un buon spiedo di carni miste, ma il Valdobbiadene Docg non ha davvero confini lo potete usare in molte ricette di vostra invenzione.
Segui il nostro blog e la nostra pagina Facebook https://www.facebook.com/LaCasettaValdobbiadene
Valdobbiadene Docg – Parte quarta

Valdobbiadene Docg – Parte quarta

COME SI ASSAGGIA UN VALDOBBIADENE DOCG?
Una volta che il tappo è stato espulso va annusato e il vino va fatto assaggiare per l’approvazione.
Una volta ricevuta, il vino può essere servito facendo sempre attenzione di servirlo inclinando la bottiglia di 45 gradi e girando l’etichetta verso chi porge il calice. Fondamentale per un’ottima degustazione che il vino sia servito ad una temperatura tra i 6 e gli 8 gradi per esaltarne i profumi floreali e fruttati.
Segui il nostro blog e la nostra pagina Facebook https://www.facebook.com/LaCasettaValdobbiadene
Valdobbiadene Docg – Parte terza

Valdobbiadene Docg – Parte terza

Qual è il modo migliore per servire un Valdobbiadene Docg?

La bottiglia va inclinata di 45° per ridurre la possibilità che il vino o la spuma tracimi al momento dell’apertura, fatte salve alcune situazioni si dovrebbe evitare di far fare al tappo il classico botto.

La bottiglia andrebbe poi girata in modo che si possa leggere l’etichetta della cantina.

Valdobbiadene Docg – Parte Seconda

Valdobbiadene Docg – Parte Seconda

Come aprire una bottiglia di Valdobbiadene Docg?

Aprire una bottiglia di spumante rappresenta un rito.

Innanzi tutto è necessaria la rimozione della capsula di protezione del tappo, è buona cosa eliminarla tutta lasciando il collo della bottiglia libero, successivamente rimuovere la gabbietta facendo attenzione che dalla pressione del vino il tappo non venga espulso improvvisamente, per fare ciò si consiglia di tenere bloccato il tappo con il pollice.